La metà nascosta: l’interfaccia dinamica tra pianta e terreno

I Georgofili in previsione del vertice dei Ministri dell’agricoltura del G20

Il ruolo strategico delle radici delle piante ha sempre destato una notevole curiosità, in quanto coinvolta in numerosi processi che incidono sia sul miglioramento quanti-qualitativo della produzione vegetale, sia sulla sua sostenibilità ambientale. L’interesse per quest’ambito di indagine è tutt’ora attuale e la ricerca incentrata sullo studio delle radici appare oggi orientata in modo sempre più puntuale alla conoscenza delle reciproche interazioni tra parte aerea e pedosfera, e la “metà nascosta” della pianta. Le nuove conoscenze sugli apparati radicali che da molte parti fanno irruzione nel campo delle Scienze agrarie non si sommano a quelle proprie delle singole discipline (agronomia, arboricoltura, ecologia vegetale agraria, etc.), ma le trasformano e le arricchiscono, consentendo una visione più aggiornata e moderna dei vari problemi delle tematiche agro-ambientali. In ambito internazionale da alcuni decenni si è costituita l’International Society of Root Research (ISRR).

Scarica il Programma

Raccolta dei Riassunti

Registrazione video